}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

maggio 15, 2014

Milano capitale dell’alta pasticceria.

Dieci tra i pasticceri migliori del mondo riuniti a Milano per un grande convegno dedicato all’arte dei dolci. Uno scambio di esperienze e di visioni, un incontro per parlare di creatività, innovazione, marketing. Il 18 e il 19 maggio l’hotel Four Seasons diventerà la capitale dell’alta pasticceria mondiale, con la prima edizione di «World Pastry Stars» organizzata dal network della comunicazione gastronomica Italian gourmet.

Un appuntamento che mira a diventare annuale e che nel 2015, in vista di Expo, darà vita a un grande evento dedicato all’alta pasticceria e alla cucina d’autore.

Questa prima edizione vuole inaugurare gli stati generali della pasticceria, mettendo insieme non solo i grandi maître pâtissier del mondo, ma anche gli operatori del settore.

Milano capitale dell’alta pasticceria

Le aziende, i fornitori, i distributori. Lo scopo è scambiarsi competenze e soluzioni, ragionare sullo stato dell’arte della grande pasticceria e fare networking. Il 19 ci sarà il convegno, mentre il 18 sera una cena con i dieci pasticceri all’insegna del gusto e del divertimento.

    Il pasticcere Luigi Biasetto con la sua creazione Aloha. Biasetto è membro dell’Accademia maestri pasticceri italiani e dell’associazione Relais Dessert. Nel 1997 ha vinto la «Coupe du monde de la pâtisserie», nel 2006 è eletto «pasticcere dell’anno» da Ampi. L’«Atelier Biasetto» si trova a Padova e a Bruxelles

   Philippe Conticini e la sua millefoglie al pistacchio grigliato (rigorosamente disposta in verticale nella «verrine»). Conticini, titolare della famosissima «Pâtisserie des rêves» a Parigi, è uno dei mostri sacri della pasticceria mondiale. Inventore delle «verrine», i contenitori trasparenti e verticali in cui dal 1994 impiatta i suoi dolci, Conticini ha vinto la «Coupe du monde de la pâtisserie» nel 2003, il titolo di «pasticcere dell’anno» nel 1991 ed è membro onorario dell’Accademia francese di Cucina

    William Curley e il suo Green tea dome. Curley ha vinto per quattro volte il titolo di «Best British chocolatier» e una quello di «British dessert of the year». Debutta come chef patissier al Savoy ad appena 27 anni e oggi ha tre punti vendita a suo nome a Londra, uno dei quali all’interno dei grandi magazzini Harrod’s. Ha inventato il «dessert’s bar», degustazione di dolci direttamente al banco.

    Volker Gmeiner e i suoi tartufi al cioccolato. Cinque punti vendita in Germania, citato dal Gambero Rosso e dalla rivista «Il Gourmet» come uno dei migliori pasticceri tedeschi, usa materie prime locali rivisitate in ricette innovative.

    Jean Paul Hévin e lo Stiletto di cioccolato. Hévin lavora tra la Francia e il Giappone e in entrambi i Paesi è considerato tra i migliori pasticceri. A 26 anni, nel 1983, vince il «Prix international de la chocolaterie», nel 2004 è il miglior pasticcere in Giappone secondo il quotidiano Nikkei Shinbun e nel 2005 vince il premio per il «miglior macaron di Parigi». Ha negozi anche in Cina e Taiwan.

Per l’Italia saranno presenti Iginio Massari e Luigi Biasetto, per la Francia Philippe Conticini e Jean-Paul Hévin, Paco Torreblanca e Carles Mampel per la Spagna, William Curley (il pasticciere di Harrod’s) dall’Inghilterra, Pierre Marcolini dal Belgio, Norman Love per gli Stati Uniti, Volker Gmeiner per la Germania.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook