}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

agosto 15, 2013

Pistiddu di Dorgali dolci sardi per la festa di San Antonio Abate.

Ricetta per persone n.

4

Ingredienti:

500 g di farina di grano duro a grana molto fine
100 g di zucchero
100 g di strutto
1 bustina di lievito in polvere
1/2 l di sapa (mosto di uva bianca cotto) o 450 g di marmellata di arance o confettura di fichi d?India
100 g di semola di grano duro
60 g di scorza di arancia

 

Preparazione: 45’ più il tempo di riposo + 60’ di cottura.

Pistiddu di Dorgali

 

  • Setacciate la farina con il lievito direttamente sulla spianatoia, fate la fontana e al centro mettete lo strutto a pezzetti e lo zucchero.
  • Mescolate bene il tutto aggiungendo l’acqua necessaria per ottenere un composto omogeneo e setoso, quindi formate una palla, copritela con un canovaccio e lasciatela riposare per 30 minuti.
  • Nel frattempo preparate il ripieno: fate bollire la sapa, unite la semola, facendola cadere a pioggia, e la buccia dell’arancia tagliata a julienne sottile (se usate invece la marmellata o la confettura.
  • Fatele sciogliere in un tegame con poca acqua, poi incorporate gli altri ingredienti) e mescolate bene il tutto.
  • Lasciate sul fuoco fino a quando avrete ottenuto un impasto piuttosto denso.
  • Stendete la pasta e ricavatene dei dischi di circa 20 cm di diametro.
  • Distribuite su metà dei dischi il ripieno, quindi coprite con gli altri dischi e saldate bene i bordi.
  • Ritagliateli infine con la rotella dentata.
  • Decorate le superfici con i tipici stampini di legno chiamati “pinta-pane”, così da creare vari motivi ornamentali, e passate in forno a 180 °C per 40 minuti o fino a quando la pasta apparirà cotta ma non troppo dorata.
  • Sfornate, fate raffreddare e servite.

 

Vino consigliato: abbinate a questo dessert l’intenso e profumato Moscato di Sorso-Sennori o l’Albana di Romagna amabile.

moscato_di_sorso_sennori_doc

Il vino bianco Moscato Di Sorso Sennori prodotto specialmente in Sardegna è un vino Moscato Di Sorso Sennori Bianco Dolce, la cui coltivazione e lavorazione abbonda specialmente nei comuni di Sorso Sennori, dove nel corso degli anni la storia del vino Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc è diventata un prodotto di qualità indiscutibile. Tanti sono, infatti, i produttori di eccellenza collocati in questa regione, alcuni dei quali spiccano particolarmente per l'eccellenza dei loro prodotti e per la fama della loro coltivazione. Anche il vino Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc presenta le caratteristiche generali di tutti i vini bianchi che, a differenza dei vini rossi, sono distinti da una vinificazione che non prevede il contatto tra vinacce e mosto in trasformazione.

Caratteristiche Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc
In merito alla vinificazione dei vini bianchi, ovvero con riferimento a quel complesso percorso che permette all'uva di tramutarsi in vino, si deve essere molto cauti in ogni fase in quanto va evitato il contatto con l'aria che potrebbe causare ossidazione e quindi peggiorare le caratteristiche organolettiche del vino stesso. Anche il vino Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc si caratterizza per alcuni aspetti che sono comuni a tutti i vini bianchi: il colore che esteriormente si presenta giallo in tonalità che vanno dall'ambrato al verdolino, dal dorato al paglierino, il profumo che per grandi linee assume i toni del floreale o del fruttato, il sapore solitamente meno pesante rispetto a quello dei vini rossi. I vini bianchi, invero, sono in generale meno alcolici dei rossi e dunque più facilmente consumabili anche nelle stagioni calde, e si distinguono per un sapore dai toni ambrati con lievi sfumature di liquirizia, cannella e tabacco biondo. I vini bianchi vanno consumati solitamente dopo due o tre anni dalla vendemmia, sebbene negli ultimi tempi alcuni intenditori stiano rivedendo la capacità dei vini bianchi di stagionare. Proprio per questo esistono alcuni vini bianchi molto soggetti all'invecchiamento, che in linea generale sono il risultato di una vinificazione abbastanza dettagliata.
Ricette consigliate con Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc
La saporita cucina e le storiche tradizioni culinarie della regione Sardegna sono ben esaltate dal gusto e dagli aromi facilmente individuabili del vino Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc. In linea di massima questo tipo di vino riesce a sposarsi bene conla maggior parte dei prodotti regionali, ma se volete gustarne appieno il gusto allora vi consigliamo le seguenti ricetteis candelaus a base di mandorle, pabassinas, biscotti di san martino, fiori di sambuco dolci fritti. Da non dimenticare che questo vino Moscato Di Sorso Sennori Bianco va servito come la maggior parte dei vini bianchi ad una temperatura che può andare tra i 7° e i 9°, preferendo per il servizio il calice, la flute o la coppa.

.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook