}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

settembre 30, 2014

Biscotti con pistacchi freschi e ciliegine candite.

Ingredienti:

200 g di farina bianca
100 g di farina gialla
6 cucchiai di latte
100 g di zucchero
200 g di burro 1 uovo

Per guarnire:

pistacchi freschi
ciliegine candite

Grazie al suo contenuto di vitamina A, di ferro e di fosforo, il pistacchio è un alimento molto indicato come ricostituente del sistema nervoso e sempre grazie alle proprietà di molte sostanze contenute nel pistacchio, come ad esempio gli isoflavoni ed alcuni acidi organici, l'organismo umano, tramite l'assunzione di pistacchi,  è in grado di rafforzare le proprie difese nei confronti degli attacchi dei tanto temuti radicali liberi.

Biscotti a modo mio

Preparazione: 20’

Cottura: 10’

  • Lasciate ammorbidire il burro, poi frullatelo con lo zucchero fino a ottenere un composto soffice e leggero.
  • Incorporatevi le due farine miscelate e mescolate brevemente, altrimenti il composto diventa colloso.
  • Trasferitelo in una tasca da pasticciere con la bocchetta spizzata.
  • Foderate la piastra con l’apposita carta. Su questa, premendo la tasca da pasticciere, disegnate con la pasta che fuoriesce i biscotti della forma che preferite: ciambelline, roselline, piccole “s” o altro secondo la vostra fantasia.
  • Su ognuno applicate mezzo pistacchio o mezza ciliegina. Cuocete in forno caldo a 190° per 10 minuti.
  • Ritirate, lasciate riposare, disponeteli in un cestino da biscotti e servite.

 

Quanto nutre un biscotto: 112 calorie.

 

Vino consigliato: Recioto di Soave.

Del Recioto non sono incerte solo le origini, ma pure il nome: alcuni lo fanno risalire la passito denominato Reticio menzionato sia da Virgilio che da Plinio il Vecchio.

Non è da escludere neppure la radice latina Racemus, grappolo, visto che nel Medio Evo è frequente indicare con Recis i grappoli spiccati dalla vite ed appesi ad asciugare per la conservazione.

Altra ipotesi è che il termine Recioto derivi da quello veneto "recia", che significa orecchio, e con il quale si fa riferimento alla parte più alta del grappolo, ovvero quella contenente il succo migliore.

I vini a denominazione di origine controllata e garantita “Recioto di Gambellara Classico” devono essere ottenuti dalle uve provenienti dal vitigno Garganega per almeno l’80% e per il rimanente da uve dei vitigni Pinot Bianco, Chardonnay e Trebbiano di Soave (nostrano) fino ad un massimo del 20%. La Garganega è il vitigno autoctono e antichissimo delle colline di Gambellara, ed il più importante della provincia di Vicenza.

Recioto Spumante Cantina Valpolicella Negrar

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook