}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

marzo 12, 2015

Un viaggio alla scoperta dei sapori, dei profumi e delle dolcezze dei dolci calabresi: 10 ricette davvero imperdibili.

Dal punto di vista gastronomico, la Calabria ha dato luogo a un ricettario composito, le cui preparazioni sono influenzate da un lato dalle numerose dominazioni subite e dall’altro dalle due anime del territorio, terrigna e marinara: nell’entroterra si trovano i piatti più sapidi e intensi della cultura contadino-pastorale, mentre sulla costa splende una solare cucina di pesce.

I prodotti dolciari calabresi racchiudono tradizioni millenarie. Dolci inimitabili perché tramandati da generazione in generazione, tipici, freschi, fatti a mano con materie prime inconfondibili, da tecniche antiche, ma soprattutto frutto di una terra ancora incontaminata.

La grande varietà dei dolci di questa regione ha spesso un significato rituale legato alle feste dei Patroni e a quelle popolari, in passato venivano offerti come un mezzo di saluto, venivano esposti nelle feste e nelle fiere, rappresentavano tutte le espressioni dei sentimenti puri del popolo contadino calabrese, nelle loro proprie forme esprimono chiari significati, come i biscotti a forma di “cavallo”, “pesce”, “capra”, “gallo”, simboleggiano la vita rurale contadina e il rispetto per la natura. Tipica anche l’usanza di dare la forma del santo protettore del paese.

calabria map

I dolci della tradizione calabrese vengono spesso fatti con dolcificanti naturali quali il miele, lo sciroppo di fichi, il mosto. Questi alimenti, ricchi di fibre e di preziosi enzimi, sono preferibili allo zucchero. Infatti in passato l'uso dello zucchero era molto limitato e veniva acquistato dalla popolazione una o due volte all'anno, soprattutto per dolcificare il caffè quando c'era o per fare le caramelle a vetro in caso di tosse e raffreddori. Il miele invece era abbastanza diffuso, ma circolava poco tra i contadini poveri e veniva riservato per la pignolata e i mostaccioli

1.- Pignolata light di Carnevale.

Pignolata light di Carnevale

2.- Piccillato di Pasqua.

Piccillato di Pasqua

3.- Nastri di cartellate con caramello e canditi.

Nastri di cartellate con caramello e canditi

4.- Il Moscato di Saracena ed il Greco di Bianco: vini passiti calabresi da scoprire.

Greco_Bianco_3

5.- Chinulille panzerotti calabresi farciti di crema.

Chinulille

6.- Melanzane al cioccolato, con cedro candito e marmellata di amarene.

Melanzane al cioccolato

7.- Sfogliatine al rabarbaro.

sfogliatine al rabarbaro

8.- Marmellata di clementine.

marmellata di clementine

9.- Sorbetto al Bergamotto di Reggio Calabria.

sorbetto al bergamoto

10.- Turtiddi tipici tortelli fritti della cucina calabrese.

turtiddi

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook