}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

aprile 16, 2015

Gelato classico alla vaniglia.

  • Ingredienti:

 

250 g di panna fresca
250 di latte intero
un cucchiaino di essenza di vaniglia
sale q.b


Oggi esiste una varietà sempre più ampia di gusti di gelato, studiati e creati dagli artigiani gelatieri per incontrare i palati esigenti degli amanti di questa prelibatezza.

Già nell'antichità, però, erano molteplici le preparazioni rinfrescanti realizzate con frutta di vario tipo o miele, uniti a neve o ghiaccio.

In Italia, la storia del gelato è legata a due cuochi fiorentini. Il primo, Ruggeri, nel XV secolo vinse una gara indetta dalla famiglia de' Medici per "il piatto più singolare che si sia mai visto", e poi preparò il suo gelato in occasione delle nozze di Caterina de' Medici con Enrico d'Orleans. Buontalenti, nel XVI secolo, propose il gelato durante una festa indetta dal Duca di Toscana.

Al siciliano Procopio Dei Coltelli, invece, si deve il merito di aver esportato il gelato a Parigi nel XVII secolo.

gelato classico alla vaniglia 

Preparazione: 

  • Versare nel contenitore della gelatiera il latte, aggiungere l'essenza di vaniglia (o vaniglina) e lo zucchero preparato separatamente in soluzione sciropposa (fredda).
  • Aggiungere la panna tenendo presente che per evitare la formazione di grumi e opportuno lavorarla prima con un po di zucchero oppure incorporarla a parte in una piccola quantita (1/6 circa) del preparato Versare nel contenitore della gelatiera il latte, aggiungere l'essenza di vaniglia (o vaniglina) e lo zucchero preparato separatamente in soluzione sciropposa (fredda).
  • Aggiungere la panna tenendo presente che per evitare la formazione di grumi e opportuno lavorarla prima con un po di zucchero oppure incorporarla a parte in una piccola quantita (1/6 circa) del preparato.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook