}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

aprile 21, 2015

Cantucci alle mandorle.

  • Ingredienti:

4 uova
250 g di zucchero
200 g di mandorle intere, spellate
una Bustina di lievito
500 g di farina 00 (doppio zero)


La pianta del mandorlo ha origini molto antiche riconducibili all’Asia occidentale e, secondo alcuni studiosi, è stato il primo albero da frutto ad essere coltivato dall’uomo quasi cinquemila anni fa.

Sin dall’antichità questa splendida pianta si diffuse nell’area Mediterranea, tanto che sono state trovate tracce di mandorle in alcune tombe egizie risalenti al 1000 a.C., mentre è grazie ai Fenici che il mandorlo si diffuse nel resto dell’Europa.


Come fecero per molte altre piante, gli antichi Greci attribuirono un’origine divina anche alla pianta del mandorlo.
Un’antica leggenda, infatti, narra che mentre i Greci navigavano alla volta della città di Troia per muoverle guerra, sbarcarono nel regno di Tracia per fare rifornimenti. Proprio durante questa breve tappa Acamante e Fillide, rispettivamente un giovane guerriero greco e una principessa tracia, si conobbero e s’innamorarono.

Ben presto, però, Acamante fu costretto a ripartire con i suoi compagni, giurando di tornare appena terminata la guerra.
Fu così che la giovane principessa rimase in attesa per dieci lunghi anni del ritorno del suo amato e, infine, credendolo perito sul campo di battaglia, si lasciò morire per la disperazione.

La dea Atena, mossa a compassione dall’amore della donna, decise di salvarla dalla morte trasformandola in un albero proprio mentre Acamante, che era sopravvissuto alla guerra, stava tornando nel regno di Tracia in cerca della sua innamorata. Scopertone il destino, il giovane abbracciò affettuosamente l’albero che una volta era la sua amata e questo, magicamente, si ricoprì di splendidi fiori al posto delle foglie: quell’albero era il primo mandorlo.

Cantucci alle mandorle

Preparazione: 50’

  • Disponete la farina a fontana e mescolatevi le uova, lo zucchero, il lievito e infine le mandorle intere, impastando il tutto con le mani p con l’apposito robot da cucina fino ad ottenere un impasto sodo ed elastico.
  • Formate quindi 2 o più bastoni di pasta, larghi 4-5 centimetri, disponeteli su una teglia ricoperta di carta da forno e mettete a cuocere in forno pre-riscaldato a 180° per circa 30 minuti o comunque fino a quando l’impasto non sarà leggermente dorato.
  • Sfilate quindi dal forno i bastoni di pasta e, poggiandoli su un tagliere o un altro piano d’appoggio tagliateli longitudinalmente ricavando dei biscotti dello spessore di un centimetro.
  • Disponete nuovamente i biscotti su una o più teglie e infornateli per 10-15 minuti per farli biscottare.
  • Toglieteli quindi dal forno e serviteli dopo averli fatti raffreddare.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook