}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

giugno 07, 2014

Gaufrette a fiore con ananas e panna.

Ingredienti: per 6 persone

    Pastella:
    farina g 150
    panna montata g 150
    latte g 150
    burro g 90
    farina di castagne g 30
    zucchero g 20
    2 uova
    un tuorlo
    un'arancia
    una bustina di lievito in polvere per dolci
    una bustina di vanillina
    sale

    Per servire:
    ananas fresco
    panna montata
    mandorle a lamelle
    burro
    zucchero semolato e a velo
    cannella in polvere


    gaufrette a fiore con ananas e panna

Preparazione: 30’

  • Pastella: mescolate in una ciotola le due farine con lo zucchero, la vanillina e la buccia d'arancia grattugiata.
  • Stemperate il tutto con il latte, unite il burro morbido, lavorato a crema, i tuorli , un terzo di bustina di lievito, la panna montata e gli albumi montati a neve con un pizzichino di sale.
  • Cuocete la pastella a mestolini nell'apposito fornelletto elettrico per fare legaufrette a spicchi (petali), seguendo le istruzioni; ripetete l'operazione fino ad esaurimento della pastella.
  • Servire: dividete i petali e ricomponete il fiore nel piatto con al centro una fetta di ananas caramellato con burro e zucchero semolato, completato da un ciuffo di panna, le mandorle e una spolveratina di cannella e zucchero a velo.

 

Quanto nutre una porzione: 421 calorie

 

Vino consigliato: Colli Orientali del Friuli Ramandolo, Moscato di Siracusa.

moscato di siracusa

Questo vino è prodotto con uve di Moscato bianco sottoposte ad un leggero appassimento nel territorio comunale di Siracusa. Ha colore giallo oro vecchio con riflessi ambracei, odore delicato caratteristico e sapore dolce vellutato e gradevole. La gradazione minima è di 16,5% ed è un vino da dessert.

Il Moscato di Siracusa sarebbe identificabile con l'antico Pollio siracusano. Se così fosse, le sue origini risalirebbero al VIII-VII secolo a.C., e il Moscato di Siracusa potrebbe essere considerato il vino più antico d'Italia. Viene prodotto con uve di Moscato Bianco sottoposte a un leggero appassimento. E' un vino da dessert che si accompagna a piccola pasticceria e a crostate di frutta bianca. Va degustato in piccoli calici a una temperatura di 10-12 °C.

La città di Siracusa infatti è molto antica, nata come colonia greca, si sviluppò enormemente fino a divenire uno dei centri più grandi e splendidi dell'intera penisola.

Come in tutta la colonizzazione greca, la viticoltura ebbe da subito un'importanza fondamentale nell'economia del Mediterraneo, solcato all'epoca da numerose civiltà mercantili, dalla Fenicia alla Romana.

L'area era caratterizzata dalla presenza di numerosissimi corsi d'acqua e da una palude che da essi veniva alimentata. Il promontorio e la zona circostante sono di origine calcarea, con una parte pianeggiante molto piccola occupata dalla città, e il restante territorio di natura collinare, dove l'uomo ha costruito numerosi terrazzi, con forte presenza di argilla e calcare.

L'orogenesi della zona è arenacea, proveniente dall'emersione dei fondali marini.
Il clima è caldo e temperato, classico mediterraneo con gli inverni miti e le estati torride, ma ventilate dal mare. Le piogge si concentrano soprattutto nel periodo invernale.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook