}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

giugno 09, 2014

Tegliette di fichi gratinati.

Ingredienti: per 6 persone

    18 fichi
    panna fresca g 150
    rum scuro g 100
    vino bianco secco g 100
    zucchero semolato g 60
    pistacchi tritati g 40
    Maizena
    4 tuorli
    zucchero di canna

    La presenza di minerali quali il ferro ed il magnesio fa del kiwi l'alimento ideale per chi vuole combattere lo stress quotidiano, mentre l'elevato contenuto di potassio è molto utile per contrastare la depressione e la stanchezza in generale.


    tegliette di fichi gratinati

Preparazione: 30’

  • In una ciotola, immersa in un bagnomaria tiepido tenuto su fuoco moderatissimo, mescolate con una frusta i tuorli, lo zucchero semolato e mezzo cucchiaino di Maizena.
  • Stemperate il composto versandovi il rum scuro e il vino, quindi montatelo lavorandolo sempre con la frusta fino a ottenere uno zabaione spumoso.
  • Toglietelo dal bagnomaria incorporatevi delicatamente la panna non montata in modo da avere una crema omogenea e semidensa.
  • Distribuitela in 6 tegliette, in ciascuna delle quali metterete 3 fichi pelati, tagliati a rondelle e cosparsi con pistacchio tritato e zucchero di canna.
  • Passate le tegliette brevemente al grill, quindi portatele subito in tavola.

 

Quanto nutre una porzione: 290 calorie

 

Vino consigliato: Montecarlo Vin Santo Amabile.

Il Friuli Isonzo Moscato giallo è un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Gorizia.

montecarlo vinsanto

Il Montecarlo Vin Santo Doc mostra particolarità simili agli altri vini di color bianco i quali relativamente alla tipologia possono passare da un colore giallo oro all'ambrato ed in certi tipi come in quelli dei vini giovani possono possedere dei riflessi verdolini.

Aggiuntiva peculiarità dei vini bianchi è la tipologia di odore che sostanzialmente può presentare una supremazia di aromi di fiori bianchi e gialli di erba appena tagliata e frutta fresca non ancora matura e quest'ultima peculiarità diventa maggiore con l'aumento d'intensità della colorazione. I vini bianco/dorati che sostanzialmente possiedono sapori morbidi e caldi al contrario i vini bianchi che hanno un colore ambrato possiedono un'aroma più vicino a quello della liquirizia e cannella.

I vini bianchi si contraddistinguono anche inerentemente il bicchiere in cui devono essere serviti, infatti basandosi sul genere di vino sono conformi calici, flute, bicchieri panciuti o coppe. La coppa è ideale per il moscato dolce ed aromatico mentre per i vini importanti, affinati in barrique o Champagne millesimati è idoneo un bicchiere panciuto. Il calice è ideale in maggioranza per i vini bianchi freschi mentre per i vini frizzanti è consigliato l'uso della flute.

Si sa che il singolare vino abbia una sua conservazione e per quanto riguarda i vini bianchi devono essere consumati entro un anno dalla vendemmia, contrariamente per quanto riguarda gli spumanti e gli Champagne non millesimati che hanno pochi giorni di vita.

Comunque ci sono anche vini che acquistano maggior pregio con una lunga conservazione ed è il caso dei vini detti millesimati i quali dopo un paio di anni e più di conservazione acquistano maggiormente le caratteristiche organolettiche. Per colmare le caratteristiche dei vini bianchi possiamo dire che la temperatura ideale ovvero circa 7° C in bottiglia e nel bicchiere tra i 9 e 11° C.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook