tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

giugno 18, 2014

Crostata di fragoline con yogurt greco.

Ingredienti: per 4 persone

    fragoline g 200
    yogurt greco g 170
    farina g 150 più un po’
    burro g 75 più un po’
    zucchero a velo g 40
    zucchero semolato g 20
    miele di acacia g 20
    gelatina in fogli g 3
    un tuorlo
    camomilla
    sale

    Da moda a cibo della salute. Lo yogurt greco ha conosciuto negli ultimi dieci anni un vero e proprio boom di popolarità grazie alle innumerevoli proprietà  benefiche per la nostra salute e il nostro benessere.

    Crostata di fragoline.

Preparazione: 40’

  • Portate a bollore g 100 di acqua, spegnete, mettetevi in infusione una bustina-filtro di camomilla per 3', poi eliminatela e dolcificate con lo zucchero semolato.
  • Unite all’infusione la gelatina ammollata e strizzata, fatela sciogliere e mettete ad addensare in frigo.
  • Lavorate velocemente la farina con il burro ammorbidito e lo zucchero a velo, unite poi il tuorlo e un pizzico di sale.
  • Quando la pasta sarà liscia e omogenea, avvolgetela nella pellicola e fatela riposare in frigo per 30'.
  • Lavorate lo yogurt con il miele e pulite le fragoline.
  • Stendete la pasta a mm 2-3, con essa foderate una teglia (ø cm 20), imburrata e infarinata, coprite con carta da forno e riempitela di fagioli secchi.
  • Infornate a 200 °C per 10', eliminate la carta e i fagioli e proseguite la cottura per altri 5'.
  • Lasciate intiepidire, riempite la crostata con lo yogurt poi ricoprite con le fragoline e la gelatina, “stracciata” con la forchetta.

 

Quanto nutre una porzione: 427 calorie

Vino consigliato: Recioto di Valpolicella , Aleatico di Gradoli.

recioto della valpolicella

Recioto della Valpolicella.

La zona di produzione della denominazione di origine controllata e garantita “Recioto della Valpolicella” comprende in tutto o in parte i territori dei Comuni di: Marano, Fumane, Negrar, S. Ambrogio, S. Pietro in Cariano, Dolcè, Verona, S. Martino Buon Albergo, Lavagno, Mezzane, Tregnago, Illasi, Colognola ai Colli, Cazzano di Tramigna, Grezzana, Pescantina, Cerro Veronese, S. Mauro di Saline e Montecchia di Crosara.

Il Recioto è il fulcro della storia e della tradizione della Valpolicella. Come l’Amarone è un vino di grande struttura e buona alcolicità, con residui zuccherini tali da renderlo dolce o amabile.

L’appassimento delle uve che generalmente  è condotto in locali (fruttai) ubicati in collina per le migliori condizioni metereologiche, si protrae dopo la vendemmia per un periodo variabile dai 100 ai 120 giorni: l’effetto più appariscente si manifesta con l’essiccamento dell’uva e il conseguente aumento del contenuto zuccherino e degli estratti.

I vini della denominazione di origine controllata e garantita “Recioto della Valpolicella” devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, in ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
- Corvina Veronese (Cruina o Corvina) dal 45% al 95 %; è tuttavia ammesso in tale ambito la presenza del Corvinone nella misura massima del 50%, in sostituzione di una pari percentuale di Corvina;
- Rondinella dal 5 % al 30 %

Abbinamenti e temperatura di servizio.

È ideale a fine pasto, in abbinamento a dolci al cioccolato, ma anche a pasticceria secca. Va servito a 12°C.

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook