tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

giugno 11, 2014

Meloni con macedonia e gelato.

Ingredienti: per 4 persone

     

    2 meloncini
    panna g 500
    prugne mature g 350
    latte g 300
    zucchero g 200 più un cucchiaio
    ribes
    acqua di fior d’arancio

     

    Le proprietà e i benefici del melone sono numerose, vediamo le principali: sicuramente il melone ha proprietà dissetanti, diuretiche e rinfrescanti; la presenza di vitamina A conferisce al melone proprietà antiossidanti in grado di apportare benefici nel contrastare l'attività nociva dei radicali liberi.


    Meloni con macedonia e gelato

Preparazione: 75’

  • Dividete i meloncini a metà con un taglio orizzontale, svuotateli dei semi e della polpa, usando lo scavino per fare le palline.
  • Raccogliete queste ultime in una ciotola e lasciatele macerare per un’ora insieme con le prugne ridotte a tocchetti, 2 cucchiaini di acqua di fior d’arancio e un cucchiaio di zucchero.
  • Tenete i meloncini vuoti in frigorifero. Intanto mescolate g 300 di panna con il latte e g 200 di zucchero.
  • Versate il tutto nella gelatiera e avviate l’apparecchio.
  • Quando il gelato sarà pronto, mettetelo a palline nei mezzi meloni, già riempiti con la frutta macerata.
  • Guarnite con grappolini di ribes, ciuffetti di panna montata (g 200) e servite.

 

Quanto nutre una porzione: 583 calorie

 

Vino consigliato: Orvieto dolce.

vino orvieto dolce

Il vino bianco Orvieto dolce prodotto specialmente in Umbria è un vino Vendemmia Tardiva Bianco Dolce, la cui coltivazione e trasformazione abbonda specialmente nei comuni di Orvieto, Ficulle, Allerona, Alviano, Lugnano In Tiberina,, dove col tempo la storia del vino Orvieto Vendemmia Tardiva Doc è diventata un prodotto di qualità indiscutibile. Numerosi sono, appunto, i produttori di indubbio prestigio con base in questa regione, alcuni dei quali riescono a differenziare e ad emergere per la loro qualità e per l'elevato livello qualitativo della loro coltivazione. Anche il vino Orvieto Vendemmia Tardiva Doc presenta le caratteristiche generali di tutti i vini bianchi che, a differenza dei vini rossi, sono caratterizzati da una vinificazione che non prevede il contatto tra vinacce e mosto in trasformazione.

Caratteristiche.

In riferimento alla vinificazione dei vini bianchi, ovvero in merito a quell'iter che consente all'uva di diventare vino, si deve stare molto attenti visto che va evitato il contatto con l'aria che potrebbe dare il via a ossidazione e dunque gustare il sapore del vino. Anche il vino Orvieto Vendemmia Tardiva Doc si distingue per determinate caratteristiche che sono tipiche di tutti i vini bianchi: il colore che già ad occhio si mostra giallo in tonalità che variano dall'ambrato al verdolino, dal dorato al paglierino, il profumo che in generale assume i toni del floreale o del fruttato, il sapore in generale meno integro rispetto a quello dei vini rossi. I vini bianchi, di fatti, sono generalmente meno alcolici dei rossi e quindi più facilmente consumabili anche nelle stagioni calde, e si differenziano per un sapore dai toni ambrati con lievi sfumature di liquirizia, cannella e tabacco biondo. I vini bianchi vanno consumati preferibilmente dopo due o tre anni dalla vendemmia, anche se negli ultimi anni alcuni intenditori stiano rivalutando la capacità dei vini bianchi di stagionare. Per questa ragione esistono alcuni vini bianchi molto soggetti all'invecchiamento, che per grandi linee sono il risultato di una vinificazione abbastanza particolareggiata.

Ricette consigliate.

La saporita cucina e le storiche tradizioni culinarie della regione Umbria sono ben esaltate dal gusto e dagli aromi inconfondibili del vino Orvieto.

Per grandi linee questo tipo di vino riesce a sposarsi bene con quasi tutti i prodotti del territorio, ma se volete gustarne appieno l'essenza allora vi consigliamo le seguenti ricette: pate di fegato, pastiera napoletana, cicerchiata, castagnole. Da non dimenticare che questo vino Vendemmia Tardiva Bianco va servito come la maggior parte dei vini bianchi ad una temperatura che varia tra i 7° e i 9°, preferendo per il servizio il calice, la flute o la coppa.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'im

Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook