}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

ottobre 01, 2013

Torta di tagliatelle alla veronese.

Ricetta per persone n.

8

Ingredienti:

300 g di farina 00
170 g di burro
3 uova
200 g di zucchero
150 g di mandorle dolci, sgusciate e spelate
50 g di mandorle amare, sgusciate e spelate
1 limone non trattato
1 bicchierino di liquore all’arancia
sale
burro per lo stampo
farina per lo stampo

Torta di tagliatelle alla veronese

Preparazione: 45’ + 60’ di cottura

  • Disponete sulla spianatoia la farina, unite 50 g di burro fuso, le uova e una presa di sale.
  • Lavorate bene il tutto fino a ottenere un impasto omogeneo, quindi stendete la pasta in una sfoglia sottile e lasciatela riposare.
  • Tritate le mandorle e amalgamatele in una terrina con lo zucchero e la scorza grattugiata del limone.
  • Arrotolate la pasta su se stessa in modo da formare un rotolo, quindi tagliatelo e srotolate le tagliatelle.
  • Imburrate e infarinate uno stampo rotondo di 24 cm di diametro.
  • Disponete uno strato di tagliatelle sul fondo dello stampo, spolverizzate con il composto di mandorle e zucchero, distribuite sopra qualche fiocchetto di burro e spruzzate con poco liquore.
  • Proseguite con un secondo strato di pasta, poi le mandorle, ancora fiocchetti di burro e liquore; continuate fino a esaurimento degli ingredienti, terminando con uno strato di pasta.
  • Coprite lo stampo con un foglio di carta da forno imburrato e infornate a 170 °C per circa un’ora.
  • Sfornate, eliminate la carta da forno, irrorate la torta con due cucchiai di succo filtrato di limone e servite.

Vino consigliato: dolce di grande piacevolezza, da abbinare all’amabile Colli Euganei Fior d’Arancio o all’Erbaluce di Caluso Passito.

vino fiordarancio

Colli Euganei Fior d'Arancio è un vino DOCG prodotto nella provincia di Padova nella la zona dei colli Euganei.

I Colli Euganei, spesso definiti “come scogli nel mare”, si ergono fieri, nel cuore orientale della pianura padana. Queste alture, formatesi a seguito di un susseguirsi di differenti manifestazioni vulcaniche avvenute circa 35 milioni di anni fa, coprono una superficie totale di circa 19.000 ettari. Hanno un perimetro di 65 chilometri e si sviluppano in un centinaio di colline la cui altezza massima è raggiunta dal monte Venda con i suoi 604 m. s.l.m..

A livello amministrativo sono divisi in 15 comuni e dal 1989 vengono tutelati e salvaguardati dall’ente Parco Regionale dei Colli Euganei.
Questo manipolo di impavide colline si staglia all’orizzonte a sud ovest della provincia di Padova, e dista circa 60 chilometri da Venezia. Da Villa Beatrice d’Este sulla sommità del Monte Gemola, nei giorni d’aria tersa si scorge il campanile di Piazza San Marco.
I primi insediamenti umani risalgono ad epoche davvero addietro nel tempo, e fin da allora è presente la coltura della vite.

Nella vocazione di questa terra è racchiuso il suo destino, e grazie alla passione e al duro lavoro dei nostri vignaioli, i vini euganei hanno raggiunto livelli qualitativi molto elevati.

Queste colline, quasi una cornice naturale della città di Venezia, sono terra di Moscati, primo fra tutti il giallo che ha eletto le nostre alture  a sua dimora d’eccellenza; ma i Colli Euganei sono anche terra di Serprino e Garganega, e terra di Merlot, Carmenere e Cabernet Sauvignon.

Caratteristiche:
Lo spumante di un brillante giallo paglierino, con riflessi dal verdolino al  dorato, avvolge in una nuvola di aromi citrini, è dolce ed equilibrato.
La versione secca rappresenta la quintessenza del vino aromatico, e regala un bouquet di fiori bianchi, di erbe aromatiche e di albicocca.
Il passito conquista già all'esame visivo per il suo color oro, i profumi sono i più svariati, dalla frutta candita al miele, fino ad arrivare a sentori ampi ed eterei, che si susseguono inarrestabili nei calici

Abbinamenti consigliati:
La versione spumante e secca, accompagnano di buon grado l'aperitivo con stuzzichini fritti, o con lieve tendenza dolce. Nuovamente incontriamo la versione secca con risotti importanti, e la versione spumante con preparazioni dolciarie delicate, con creme e frutta.
Il passito, acompagna formaggi erborinati, patè e fegato d'oca, biscotteria secca e dolci di struttura.

vino fiordarancio1

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

1 commento:

  1. Interessante questa torta. Mi incuriosisce molto la consistenza! La metto nella mia lista dei dolci da fare.
    Ciao :-)

    RispondiElimina

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook