}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

febbraio 16, 2014

Fagottino di mele e mandorle con salsa al calvados.

Ingredienti:

Per il ripieno dei fagottini:
2 mele
300 g di crema pasticcera
100 g mandorle tritate
Calvados
burro

Per la salsa:
crema inglese aromatizzata con del Calvados

Per la crema pasticciera:
1 l di latte
250 g di zucchero
120 g di farina
8 tuorli

Per le cialde al miele:
75 g di burro morbido
125 g di zucchero a velo
60 g di miele
60 g di farina
Preparazione: 
  • Preparate la crema: mettete il latte a bollire, in un recipiente lavorate i tuorli con lo zucchero, unite la farina.
  • Quando il latte raggiunge il bollore, versatelo in due fasi sul composto, 
  • Rimettete tutto sul fuoco e fate addensare, mescolando.
  • Pulite le mele e tagliatele a cubetti.
  • Tritate le mandorle, 
  • Amalgamate i cubetti di mela con la crema, le mandorle e a piacere il distillato.
  • Prendete la pasta fillo e stendetela sul piano di lavoro, 
  • Preparate i fogli di pasta fillo spennellando ogni strato con del burro fuso, farcite con il composto e chiudete a fagottino.
  • Cuocete in forno a 180° per 15-20 minuti circa.
  • Per le cialde al miele: impastate come una frolla, fate delle piccole palline e cuocete a 200°C

  • Se ti è piaciuta la ricetta, iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

1 commento:

  1. Il Calvados è la base del tradizionale trou Normand, cioè "il buco normanno". Questo è costituito da un sorso di Calvados preso tra le varie portate di un lungo pasto, a volte con un sorbetto di mela, che si pensa risvegli l'appetito. Il Calvados può essere servito come aperitivo, in cocktail, tra i pasti, come digestivo o con il caffè. Un buon calvados dovrebbe naturalmente mantenere il gusto delle mele e delle pere, bilanciato dagli aromi e dall'invecchiamento. Si nota facilmente che il calvados più giovane ha un più forte gusto di mela e di pera. Più a lungo il calvados è rimasto a contatto con il legno di quercia, più il suo gusto somiglia a quello di ogni altro brandy invecchiato. Il calvados più vecchio assume un colore dorato, marrone con riflessi arancioni e rosso mogano.

    RispondiElimina

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook