}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

settembre 20, 2013

Pan nociato, una di quelle ricette senza tempo che affondano le loro origini nella notte dei tempi.

Ricetta per persone n.

4

Ingredienti:

80 g di gherigli di noce
50 g di uvetta, già ammollata
1 cucchiaio di Pecorino di Norcia grattugiato
50 g di Pecorino di Norcia a pezzetti
5 chiodi di garofano
50 g di strutto
vino rosso secco
olio extravergine di oliva
sale
pepe
farina per la spianatoia

pan nociato
Preparazione: 30’ più il tempo di riposo e lievitazione + 40’ di cottura.

  • Sbollentate per circa 1 minuto i gherigli di noce, scolateli, passateli sotto l’acqua corrente, togliete la pellicina che li riveste, quindi tritateli grossolanamente.
  • Mettete l’uvetta in una ciotola, unite il pecorino grattugiato e quello a pezzetti, le noci tritate, una presa di sale e una di pepe, i chiodi di garofano macinati, lo strutto, mezzo bicchiere di vino e 1 cucchiaio di olio.
  • Mescolate bene e fate riposare il composto per circa 10 ore.
  • Trascorso questo tempo, disponete la pasta da pane sulla spianatoia infarinata.
  • Unite il composto preparato e amalgamate bene il tutto fino a ottenere una pasta liscia e omogenea.
  • Formate con l’impasto una palla e dividetela a metà ottenendo due piccole pagnotte.
  • Incidete la loro superficie con un taglio a croce e lasciatele lievitare per una notte intera, coperte e in un luogo tiepido.
  • Quando saranno ben lievitate, passate le due pagnotte in forno caldo a 200 °C e cuocetele per 30-40 minuti.
  • Sfornate, lasciate raffreddare e servite. 

Vino consigliato: accompagnate il pan nociato con un vino bianco gradevole e immediato, come il Colli Perugini Bianco o il Trebbiano di Romagna.

            trebbiano di romagna

            Riconosciuto dalla Denominazione di Origine Controllata nel 1973, il Trebbiano di Romagna è insieme al Sangiovese il simbolo enologico della regione a sud del Po. L'origine della sua coltivazione in Romagna è antica, sembra risalire addirittura al periodo degli Etruschi e dei Romani, quando vennero impiantati i primi vitigni di Trebulanus sulle terre bonificate della Romagna e sulle colline preappenniniche.

            Il Trebbiano di Romagna DOC è prodotto nelle zone collinare delle province di Bologna, Forlì-Cesena, Rimini e Ravenna. Il vitigno è a bacca bianca, con grappoli medio-grandi e compatti e alati. L’acino è di dimensioni medie, con buccia consistente, di colore verde-giallognolo e ricca di pruina.

            Nel calice si presenta di colore giallo paglierino, più o meno intenso. L’aroma è vinoso e fruttato, particolarmente gradevole e con sentori di frutta bianca e di erbe aromatiche.

            Al palato è armonico, secco, giustamente fresco (acido) e sapido. È un vino particolarmente leggero e delicato, ideale da consumarsi giovane, entro l'anno successivo alle vendemmia.

            Il Trebbiano di Romagna DOC va servito in calice a tulipano a stelo lungo a una temperatura di 8/10° C. Ottimo come aperitivo, si sposa egregiamente con antipasti delicati, a base di pesce o di verdure. In Romagna accompagna la piadina con lo "squacquerone", formaggio fresco locale, e con i salumi come il prosciutto crudo e il salame.

            Alcune (eno-) curiosità.
            Il Trebbiano di Romagna degustato appartiene alla linea Brumale del Consorzio Caviro: una linea prodotta con le più pregiate varietà di uve italiane, la cui immagine è strettamente legata alle tradizioni nazionali di vinificazione e che annovera anche Sangiovese di Romagna, Montepulciano d’Abruzzo, Nero d’Avola, Grecanico Inzolia,  Rosso Sicilia.
            Forte di 41 cantine associate e più di 20.000 viticoltori su tutto il territorio italiano, il Consorzio Caviro è oggi l’azienda leader del settore vitivinicolo nazionale. Grazie all’esperienza dei soci e alla loro profonda conoscenza del vino, Caviro può vantare un’efficace "rete di qualità" che assicura il controllo sull'intera filiera produttiva e di conseguenza sulle caratteristiche di ogni singola linea di prodotto commercializzata.

            Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

            1 commento:

            1. Dalle nostre parti non c’è persona che non conosca il pan nociato… un panino gustoso al sapore di formaggio con all’interno o mischiato nell’impasto delle noci e del pecorino(o altro formaggio che riesca a fondere).Deliziosi per lo spuntino a mezza mattina o a merenda, gustosi panini da proporre nei rinfreschi di compleanno o da servire a tavola come pane speciale; sono bocconcini croccanti e saporiti che per chi ama il salato sono una tentazione irresistibile.

              RispondiElimina

            Random Posts

            Il Mondo dei Dolci in Google+

            Feedelissimo m

            Il Mondo dei Dolci in Pinterest

            Il Mondo dei Dolci su Facebook