}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

settembre 07, 2013

Gigi, dolci fritti tipici della pasticceria siciliana delle Eolie.

Fortunato prodotto di una miscela di culture molto diverse tra loro, la pasticceria siciliana può vantare un gran numero di ricette, declinate in altrettante numerose varianti locali, che l'hanno resa famosa e apprezzata in tutto il mondo.

Ingredienti: per 4 persone

500 g di farina 00
150 g di zucchero
50 g di strutto
3 uova
bicarbonato in polvere
Malvasia delle Lipari
2 dl di vino cotto di Malvasia
olio per friggere
sale
2 tuorli

gigi

Preparazione: 45’ più il tempo di riposo+ 30’ di cottura

  • Setacciate la farina sulla spianatoia e impastatela insieme con lo zucchero, lo strutto, le uova e i tuorli, una presa di bicarbonato e la malvasia necessaria a ottenere un composto morbido ed elastico.
  • Fatelo riposare per 15 minuti avvolto in un canovaccio.
  • Trascorso questo tempo, formate con l’impasto dei cilindri e tagliateli a pezzetti.
  • Passate ogni pezzetto di pasta tra le mani, formando un rotolino allungato e con le estremità più sottili.
  • Scaldate in una padella abbondante olio, quindi friggete bene i rotolini di pasta, scolateli con il mestolo forato e passateli su carta assorbente da cucina in modo che perdano l’unto in eccesso.
  • Versate in un tegame il vino cotto insieme con poca acqua e cuocete a fuoco dolce fino a quando prenderà un leggero bollore, mescolando continuamente.
  • Passate i gigi fritti nel composto, ricoprendoli uniformemente, quindi disponeteli nel piatto da portata e serviteli subito, decorando a piacere con una julienne molto fine di buccia di limone. 

Vino consigliato: servite la Malvasia delle Lipari o il Moscato di Sorso-Sennori.

moscato_di_sorso_sennori_doc_nuraghe

Il vino bianco Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc prodotto specialmente in Sardegna è un vino Moscato Di Sorso Sennori Bianco Dolce, la cui coltivazione e lavorazione abbonda specialmente nei comuni di Sorso Sennori, dove nel corso degli anni la storia del vino Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc è diventata un prodotto di qualità indiscutibile. Tanti sono, infatti, i produttori di eccellenza collocati in questa regione, alcuni dei quali spiccano particolarmente per l'eccellenza dei loro prodotti e per la fama della loro coltivazione. Anche il vino Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc presenta le caratteristiche generali di tutti i vini bianchi che, a differenza dei vini rossi, sono distinti da una vinificazione che non prevede il contatto tra vinacce e mosto in trasformazione.

Caratteristiche Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc

In merito alla vinificazione dei vini bianchi, ovvero con riferimento a quel complesso percorso che permette all'uva di tramutarsi in vino, si deve essere molto cauti in ogni fase in quanto va evitato il contatto con l'aria che potrebbe causare ossidazione e quindi peggiorare le caratteristiche organolettiche del vino stesso. Anche il vino Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc si caratterizza per alcuni aspetti che sono comuni a tutti i vini bianchi: il colore che esteriormente si presenta giallo in tonalità che vanno dall'ambrato al verdolino, dal dorato al paglierino, il profumo che per grandi linee assume i toni del floreale o del fruttato, il sapore solitamente meno pesante rispetto a quello dei vini rossi. I vini bianchi, invero, sono in generale meno alcolici dei rossi e dunque più facilmente consumabili anche nelle stagioni calde, e si distinguono per un sapore dai toni ambrati con lievi sfumature di liquirizia, cannella e tabacco biondo. I vini bianchi vanno consumati solitamente dopo due o tre anni dalla vendemmia, sebbene negli ultimi tempi alcuni intenditori stiano rivedendo la capacità dei vini bianchi di stagionare. Proprio per questo esistono alcuni vini bianchi molto soggetti all'invecchiamento, che in linea generale sono il risultato di una vinificazione abbastanza dettagliata.

Ricette consigliate con Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc.

La saporita cucina e le storiche tradizioni culinarie della regione Sardegna sono ben esaltate dal gusto e dagli aromi facilmente individuabili del vino Moscato Di Sorso Sennori Moscato Di Sorso Sennori Doc. In linea di massima questo tipo di vino riesce a sposarsi bene conla maggior parte dei prodotti regionali, ma se volete gustarne appieno il gusto allora vi consigliamo le seguenti ricetteis candelaus a base di mandorle, pabassinas, biscotti di san martino, fiori di sambuco dolci fritti. Da non dimenticare che questo vino Moscato Di Sorso Sennori Bianco va servito come la maggior parte dei vini bianchi ad una temperatura che può andare tra i 7° e i 9°, preferendo per il servizio il calice, la flute o la coppa.

moscato pantalleria map

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook