}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

settembre 30, 2013

La tradizione veneta nella forma più pura, il mandorlato di Cologna.

Secondo la leggenda più famosa, comunque, il torrone nacque il 25 ottobre 1441, giorno del matrimonio di Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza.

In quella speciale occasione, i pasticceri di corte conclusero il sontuoso banchetto nuziale confezionando un dolce rappresentante l’alta torre campanaria del duomo di Cremona, la città che la sposa portava in dote.

Il dolce, in forma di Torrazzo, fu detto pertanto torione.

Ricetta per persone n.

8

Ingredienti:

1 kg di mandorle dolci sgusciate
750 g di miele millefiori o altro miele fluido
4 albumi
cannella in polvere
50 g di cialde bianche

Mandorlato di Cologna Veneta

Preparazione: 20’ + 60’ di cottura

  • Disponete le mandorle sulla placca e passatele in forno a 120 °C solo per pochi minuti.
  • Sfornatele e strofinatele con un panno asciutto in modo da staccare facilmente la pellicina che le ricopre.
  • Scaldate il miele a bagnomaria per circa 20 minuti, mescolando di continuo.
  • Montate a neve ben ferma gli albumi, quindi incorporatene delicatamente metà al miele, facendo attenzione a non smontarli.
  • Cuocete il composto ottenuto ancora a bagnomaria per altri 30 minuti, mescolando molto spesso in modo che non si attacchi alle pareti del tegame.
  • Togliete dal fuoco e aggiungete al composto gli altri albumi montati, sempre facendo attenzione che non perdano la loro consistenza, quindi incorporate anche le mandorle, profumate il tutto con una generosa presa di cannella e lasciate intiepidire.
  • Foderate una teglia a bordi bassi con le cialde e versate il composto di mandorle e miele.
  • Quando sarà completamente freddo e indurito, spezzettatelo e servitelo.
  • Il mandorlato si conserva molto a lungo se viene riposto in una scatola di metallo con chiusura ermetica.

Vino consigliato: questo torrone dolce è da provare con il Breganze Torcolato o il Moscato di Noto.

vino breganze torcolato

Il vino bianco Breganze Torcolato  prodotto principalmente in Veneto è un vino Torcolato Di Breganze Bianco Dolce, la cui coltivazione e preparazione abbonda principalmente nei comuni di Breganze, Fara, Mason, E Marostica, Bassano, Sandrigo, dove con il passare degli anni la storia del vino Breganze Torcolato Di Breganze Doc ha assunto le caratteristiche di un prodotto di qualità indiscutibile. Tanti sono, difatti, i produttori di qualità presenti in questa regione, alcuni dei quali di distinguono per per il sapore unico ed inconfondibile dei propri vini e per l'elevato livello qualitativo della loro coltivazione. Anche il vino Breganze Torcolato Di Breganze Doc si caratterizza per i medesimi aspetti che contraddistinguono tutti i vini bianchi che, a differenza dei vini rossi, sono distinti da una vinificazione che non prevede il contatto tra vinacce e mosto in trasformazione.

Caratteristiche:

In relazione alla vinificazione dei vini bianchi, ovvero in merito a quell'iter che consente all'uva di trasformarsi in vino, si deve essere molto cauti in ogni fase visto che va evitato il contatto con l'aria che potrebbe provocare ossidazione e quindi peggiorare le caratteristiche organolettiche del vino stesso. Anche il vino Breganze Torcolato Di Breganze Doc si caratterizza per alcuni aspetti che sono comuni a tutti i vini bianchi: il colore che esteriormente si mostra giallo in tonalità che mutano dall'ambrato al verdolino, dal dorato al paglierino, il profumo che per grandi linee assume i toni del floreale o del fruttato, il sapore solitamente meno intenso rispetto a quello dei vini rossi. I vini bianchi, invero, sono in linea di massima meno alcolici dei rossi e quindi più facilmente bevebili anche nei periodi caldi, e si distinguono per un sapore dai toni caldi con lievi sfumature di liquirizia, cannella e tabacco biondo. I vini bianchi vanno consumati solitamente dopo due o tre anni dalla vendemmia, anche se negli ultimi anni alcuni intenditori stiano rivalutando la capacità dei vini bianchi di stagionare. Proprio per questo esistono alcuni vini bianchi molto longevi, che in linea generale sono il risultato di una vinificazione abbastanza particolareggiata.

Ricette consigliate:

La saporita cucina e le storiche tradizioni culinarie della regione Veneto sono ben esaltate dal gusto e dagli aromi inconfondibili del vino Breganze Torcolato Di Breganze Doc. In generale questo tipo di vino riesce a sposarsi bene concon quasi tutti i prodotti del territorio, ma se volete gustarne appieno il gusto allora vi consigliamo le seguenti ricettepanettoni elaborati, canederli di ricotta con salsa al rabarbaro, torta di pere e cioccolato. Da non dimenticare che questo vino Torcolato Di Breganze Bianco va servito come la maggior parte dei vini bianchi ad una temperatura che può andare tra i 7° e i 9°, preferendo per il servizio il calice, la flute o la coppa.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook