}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

agosto 27, 2013

Bolinho de chuva dolce povero brasiliano di facile esecuzione.

È un dolce molto economico, di facile esecuzione e che non richiede molto tempo di preparazione, apprezzato in tutto il Brasile, servito a colazione o come merenda pomeridiana per accompagnare una tazza di mate o di tè.

Ricetta per persone n.

4

Ingredienti:

450 g di farina
3 uova
zucchero
1 cucchiaino di lievito in polvere
1/2 tazza di latte
olio per friggere
cannella
sale

Bolinho de chuva

Ne esiste anche una versione salata, che si prepara eliminando lo zucchero e aggiungendo, oltre a una presa di sale, anche cipolla tritata o cipollotto. Si serve sia caldo sia freddo.

Preparazione: 30’ più il tempo di lievitazione + 15’ di cottura

  • Lavorate bene in una terrina le uova con 5 cucchiai di zucchero, il latte e un pizzico di sale.
  • Setacciate quindi la farina con il lievito, unitevi il composto di uova e impastate accuratamente, aggiungendo se necessario altra farina o altro liquido.
  • Coprite e fate lievitare in luogo caldo per circa 45 minuti.
  • Con l’impasto formate tante palline e friggetele, a più riprese, nell’olio bollente, finché saranno ben dorate.
  • Scolatele e fatele asciugare su carta da cucina, in modo che perdano l’unto in eccesso.
  • Al momento di servirle mescolate in una ciotolina zucchero e cannella, quindi distribuite il ricavato sulle frittelle.

Vino consigliato: servite i bolinho con una tazza di tè nero come English o Irish Breakfast, oppure stappate un vino leggermente dolce e spumante, come il Prosecco dry.

vino prosecco

E’ ricco di profumi di frutta, mela, pera, con un sentore d’agrumi che sfumano nel floreale, al palato è morbido e al tempo stesso asciutto grazie ad un’acidità vivace. Ottimo come aperitivo, è ideale, servito a 8-10° C, su minestre di legumi e frutti di mare, paste con delicati sughi di carne, formaggi freschi e carni bianche, soprattutto pollame. 
Il residuo zuccherino va da 12 a 17 g/l.

Note di degustazione:

Colore: paglierino brillante ravvivato dal perlage.
Profumo: profumi fruttati di pera, mela, pesca sfumano nel floreale con un sentore di agrumi ed una aromaticità fresca e ricca di sensazioni.
Sapore: In bocca il vino si distende morbido, avvolgente e al tempo stesso asciutto grazie ad una acidità ben presente.
Perlage: fine e persistente.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook