}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

agosto 16, 2013

Crostata di pesche e albicocche: tempo d’estate, tempo di torte con frutta di stagione.

Ricetta per persone n.

6

Ingredienti:

150 g di burro
30 g di zucchero
qualche goccia di essenza di mandorle amare
2 uova (1 per dorare)
250 g di farina – sale

 

Crostata di pesche e albicocche

Per la farcitura:

4 pesche
10 albicocche
100 g di burro ammorbidito
50 g di farina di mandorle
3 uova
30 g di zucchero
1 bustina di zucchero vanigliato
2 cucchiai di maizena
10 cl di distillato di pesche
1 cucchiaino di lievito per dolci

Preparazione: 25’ + 60’ per far riposare la pasta + 25’-30’ di cottura.

 

  • Mettete nel recipiente del robot da cucina il burro a pezzetti, lo zucchero, l’essenza di mandorle, l’uovo, la farina e un pizzico di sale.
  • Amalgamate velocemente gli ingredienti, azionando il robot a colpetti successivi e aggiungendo, se necessario, un po’ d’acqua.
  • Raccogliete l’impasto a palla, infarinatelo leggermente e mettetelo in frigorifero per un’ora, avvolto in alluminio da cucina.
  • Sbucciate le pesche, lavate e asciugate le albicocche. Dividete a metà i frutti ed eliminate i noccioli.
  • Stendete la pasta su una spianatoia infarinata, foderate poi con la pasta una tortiera da 25 cm di diametro imburrata e infarinata.
  • Con i ritagli di pasta preparate dei nastri usando la rotella ondulata tagliapasta.
  • Distribuite nella tortiera la frutta alternando pesche e albicocche.
  • Lavorate il burro e la farina di mandorle in una ciotola. Incorporate alla crema ottenuta un uovo alla volta, quindi unite tutto lo zucchero.
  • Diluite la maizena nel distillato di pesche (o altro liquore alla frutta) e aggiungetela al composto.
  • Mescolate bene, incorporate anche il lievito, quindi versate il tutto nella tortiera.
  • Livellate la superficie e decorate con i nastri di pasta disposti in diagonale.
  • Dorate pennellando l’uovo battuto con un po’ d’acqua.
  • Infornate la crostata di pesche e albicocche per 25-30 minuti a 210° C e servitela dopo averla lasciata raffreddare nella tortiera.

 

Vino consigliato: Colli del Trasimento Vin Santo, Recioto della Valpolicella, Colli Euganei Moscato (anche spumante).

recioto della valpolicella

Recioto della Valpolicella.

La zona di produzione della denominazione di origine controllata e garantita “Recioto della Valpolicella” comprende in tutto o in parte i territori dei Comuni di: Marano, Fumane, Negrar, S. Ambrogio, S. Pietro in Cariano, Dolcè, Verona, S. Martino Buon Albergo, Lavagno, Mezzane, Tregnago, Illasi, Colognola ai Colli, Cazzano di Tramigna, Grezzana, Pescantina, Cerro Veronese, S. Mauro di Saline e Montecchia di Crosara.

Il Recioto è il fulcro della storia e della tradizione della Valpolicella. Come l’Amarone è un vino di grande struttura e buona alcolicità, con residui zuccherini tali da renderlo dolce o amabile.

L’appassimento delle uve che generalmente  è condotto in locali (fruttai) ubicati in collina per le migliori condizioni metereologiche, si protrae dopo la vendemmia per un periodo variabile dai 100 ai 120 giorni: l’effetto più appariscente si manifesta con l’essiccamento dell’uva e il conseguente aumento del contenuto zuccherino e degli estratti.

I vini della denominazione di origine controllata e garantita “Recioto della Valpolicella” devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, in ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
- Corvina Veronese (Cruina o Corvina) dal 45% al 95 %; è tuttavia ammesso in tale ambito la presenza del Corvinone nella misura massima del 50%, in sostituzione di una pari percentuale di Corvina;
- Rondinella dal 5 % al 30 %

Abbinamenti e temperatura di servizio.

È ideale a fine pasto, in abbinamento a dolci al cioccolato, ma anche a pasticceria secca. Va servito a 12°C.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook