}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

dicembre 21, 2013

Stella di Natale alle noci con profumo di caramello.

La tradizione dei dolci di Natale è talmente varia in Italia che, da nord a sud, sono presenti una miriade di  dolci tutti diversi e deliziosi: il torrone, il panettone, il croccante, il pandoro, gli struffoli sono solo alcuni dei dolci di Natale più conosciuti ed apprezzati.

Se anche tu sei alla ricerca del perfetto dolce di Natale per impreziosire ed allietare la tua tavola delle feste, sei nel posto giusto.

In questa sezione troverai tantissimi dolci di Natale, dai più tradizionali ai più fantasiosi, per stupire i tuoi ospiti durante le feste.

Molti di questi dolci di Natale possono diventare delle graditissime idee regalo a tema culinario per fare la felicità di golosi e buongustai.

Scopri tutte le gustose ricette di Dolci e dessert per Natale facili da preparare e ottime in ogni occasione con la cucina di Il Mondo dei Dolci.

Ingredienti: per 12 persone

Pasta biscotto:
farina g 150
zucchero g 150
gherigli di noce, tritati fini, g 100
5 uova
sale
vanillina
burro e farina per le placche

Farcia e completare:
panna fresca g 400
2 bustine di caramello pronto
cacao in polvere
zucchero a velo

stella di natale alle noci

 

Preparazione: 60’

  • Montate con lo sbattitore elettrico le uova con lo zucchero e un pizzichino di sale, lavorando a lungo il composto finché risulterà gonfio e spumoso.
  • A questo punto incorporatevi con il cucchiaio di legno, con movimenti dal basso verso l'alto e viceversa, la farina setacciata con una bustina di vanillina e i gherigli di noce tritati.
  • Distribuite e allargate l'impasto su due placche coperte da carta da forno, imburrata e infarinata, poi passatele in forno,a 180 °C per 12' circa.
  • Sfornate, capovolgete le placche su un piano da lavoro abbondantemente spolverato di zucchero a velo e lasciate raffreddare i due pezzi di pasta, quindi ricavate da ognuno 12 "gocce", usando l'apposito stampo tagliapasta.
  • Mescolate la panna con il caramello poi montatela ben ferma.
  • Costruite i petali della stella inserendo nel tagliapasta 2 gocce sovrapposte, farcite di panna; sfilate lo stampo e ripetete l'operazione: otterrete 12 petali in tutto.
  • Spolverizzatene 6 di cacao e gli altri di zucchero a velo e, su questi ultimi, passate una lama di coltello arroventata per caramellarli. Infine costruite la stella disponendo sul piatto due giri di petali sovrapposti, leggermente sfalsati, e guarnitela a piacere: noi abbiamo decorato il dolce con un fiore di pasta (ricavata dai ritagli), completato da sottili fili dorati di zucchero caramellato.

Quanto nutre una porzione: 299 calorie

 

Vino consigliato: Trentino Vino Santo, Chianti Vin santo, Passito di Pantelleria.

moscato pantelleria1
Il Moscato di Pantelleria è un vino a DOC. che può essere prodotto esclusivamente nell'Isola di Pantelleria in provincia di Trapani.

Il Moscato di Pantelleria (sinonimo Zibibbo) è prodotto con la cultivar Moscato d'Alessandria, come tutti i moscati ha aromi tipici di moscato, dovuti principalmente a alcuni terpeni, di cui il linalolo è in questo vino il maggior rappresentante; se ne può avere un'idea anche masticando l'uva Italia e ponendo attenzione all'aroma retrolfattivo che si sprigiona.

Capo Zebib sembra sia il luogo di origine, di fronte Pantelleria in Africa, che rimanda ad un'importazione araba. Le fonti, a tal proposito, sono il Mendolia. Altre fonti, il Salomon, individuano l'origine in Alessandria d'Egitto da dove il nome di Moscato d'Alessandria.

Il Cupani per primo cita lo Zibibbo di Sicilia nell'anno 1696, ma c'era chi molto prima sottolineava il fatto che gli arabi chiamassero tale tipo di vite Zibibi. Il Nicosia vede nel M.d'A. una varietà di vite ideale per le pergole (1735).

Se nell'Ottocento lo Zibibbo era diffuso a Pantelleria fu di certo il Novecento a sancire l'exploit infatti è di questo periodo una produzione di poco inferiore agli 80.000 q.li di uva e poco meno di 15.000 hl di vino moscato (Scarponi). Tale cultivar tuttora continua ad essere la prima nella realizzazione di nuovi impianti.

È un vino da servire ad una temperatura di 10-12 gradi in bicchieri a tulipano medio piccoli ed è preferibile abbinarlo a formaggi erborinati accompagnati da confetture ottenute dal medesimo vino o dolci da forno, paste di mandorla, cannolo siciliano, cassata siciliana e anche gelati al pistacchio o alla ricotta; abbinamento più ardito può essere con il foie gras.
moscato pantalleria map

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook