}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

novembre 29, 2013

Coroncine al rabarbaro.

Ingredienti: per 8 persone

Per le coroncine:
farina bianca g 150
burro g 150
3 uova
sale
burro e farina per la placca

Per farcire:
rabarbaro g 600
latte g 300
zucchero semolato g 80 più alcune cucchiaiate
burro g 30
farina bianca g 25
3 tuorli
vanillina
Cointreau
limone
zucchero a velo
coroncine al rabarbaro
Preparazione: 80’

  • Preparate per le coroncine una pasta bigné, facendo bollire g 250 d'acqua con il burro e un pizzico di sale.
  • Unite quindi la farina, tutta in una volta.
  • Tenete l'impasto sul fuoco fino a quando si staccherà dalla casseruola con uno sfrigolio; allora toglietelo, fatelo raffreddare poi incorporatevi le uova, una alla volta.
  • Mettete la pasta in una tasca per farcire munita di bocchetta spizzata e fatela uscire su una placca imburrata e infarinata, formando 8 anelli di cm 7 di diametro (coroncine): per dare maggiore spessore, preparate ogni coroncina con due giri sovrapposti di pasta.
  • Passate nel forno già a 200° per circa 25', poi sfornate e lasciate raffreddare.
  • Poco prima di servire le coroncine, avviate la farcia: mettete a riscaldare il latte con una scorzetta di limone e un terzo di bustina di vanillina.
  • In una ciotola, lavorate i tuorli con g 80 di zucchero e la farina.
  • Stemperate il composto con il latte caldo, versato a filo, quindi portate il tutto su fuoco moderato, lasciando sobbollire la crema per circa 5'.
  • Mondate le coste di rabarbaro, privandole della parte esterna più fibrosa, quindi tagliatele in dadolata che porrete a rosolare, a fuoco vivo, nel burro spumeggiante.
  • Addolcite con 4 cucchiaiate di zucchero e aromatizzate con uno spruzzo di Cointreau, quindi fiammeggiate.
  • Dopo che l'alcool sarà evaporato, riducete la fiamma e proseguite la cottura del rabarbaro,ancora per 3' circa, quindi spegnete.
  • Aprite le coroncine a metà e farcitele con la crema, quindi ricomponetele.
  • Al centro di ognuna mettete un'abbondante cucchiaiata di rabarbaro, cospargete con zucchero a velo, quindi servite.

 

Quanto nutre una porzione: 241 calorie.

 

Vino consigliato: Golfo del Tigullio passito

golfo del tigullio

Il Golfo del Tigullio passito è un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Genova.

Questa denominazione di origine controllata nasce nel 1997 come Golfo del Tigullio e viene poi modificata, con Decreto Ministeriale del 2011, in Golfo del Tigullio-Portofino doc o semplicemente Portofino doc, con variazioni concernenti anche il disciplinare di produzione. Comprende diverse tipologie di vino: Bianco – anche Spumante frizzante e Passito –, Rosso – anche frizzante e novello –, Rosato – anche in versione frizzante –, Bianchetta Genovese – anche frizzante –, Vermentino – anch'esso disponibile nella tipologia frizzante –, Ciliegiolo – fermo, frizzante e novello –, Moscato – anche Passito – e Scimiscià. Esiste anche la sottozona Costa dei Fieschi, dove si producono Bianco – anche Spumante e Passito –, Rosso, Rosato, Moscato e Moscato Passito. I vigneti sono coltivati lungo la fascia costiera e nel primo entroterra, a est di Genova fino al confine con la provincia di La Spezia, dove terreni ricchi di argilla e calcare e condizioni climatiche miti creano un ambiente pedoclimatico che favorisce la produzione di vini strutturati, caldi e morbidi.

Il Bianco si abbina perfettamente ai frisceu alle erbette, alla farinata, alle verdure ripiene, ai minestroni e alle frittate con erbette; da provare con piatti dagli accostamenti particolari come salame e fichi o stoccafisso con formaggio di Santo Stefano d'Aveto. La versione frizzante, così come il Vermentino frizzante e la Bianchetta Genovese frizzante, è perfetta con le acciughe al limone, l'insalata russa, l'insalata capricciosa e le uova ripiene. La Bianchetta ferma è l'ideale accompagnamento per primi piatti di pasta fresca, torte di bietole, di riso o di zucca, acciughe e frutti di mare e risotti agli ortaggi. Il Vermentino fermo si abbina bene alla torta pasqualina, a primi piatti tipici come i corzetti stampati con salsa di pinoli, le trenette e le trofie al pesto, i pansoti alla salsa di noci e a pesci come l'orata e il branzino, sia al forno sia lessi. Tutti questi vini bianchi si servono in calici con stelo alto a una temperatura di 10° C.

Il Rosso si accosta amabilmente a primi piatti con ragù di carne, ravioli col tocco, polente, pollame in umido, coniglio e ovini in casseruola, trippe, spezzatini di carni bianche e formaggi di media stagionatura; va servito in calici bordolesi a una temperatura intorno ai 16° C. Il Rosato, servito a una temperatura fra i 12° e il 13° C in calici svasati con stelo alto, accompagna antipasti di salumi, zuppe di pesce, minestrone alla genovese, pasta al pomodoro e melanzane alla parmigiana.

Lo Scimiscià è un vino da umidi di mare e formaggi freschi, mentre il Ciliegiolo, che si serve come il Rosato, esalta piatti come lo stoccafisso accomodato, la lattuga ripiena in brodo e i ceci in zimino. Il Moscato è perfetto con latte dolce fritto, pandolce, pandoro, canestrelli e crostate; va servito in grandi coppe con stelo alto a 9° C. Il Passito, eccellente vino da conversazione da gustare in calici a tulipano a una temperatura intorno ai 7°-8° C, è l’ideale compagno per dolci sostanziosi e pasticceria secca.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook