}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

novembre 20, 2013

Bavarese alla cannella con biscottini.

Ingredienti: per 12 persone

Biscottini:
farina g 80
burro morbidissimo g 80
albume g 80
zucchero a velo g 80
farina di mandorle g 80
2 gocce di essenza di mandorle

Bavarese:
panna fresca g 500
latte g 200
zucchero semolato g 90
colla di pesce g 15
3 tuorli
un baccello di vaniglia
maizena
cannella in polvere
zucchero grezzo

Per guarnire:
fragole
foglioline di menta fresca
Bavarese alla cannella con biscottini
Preparazione: 40’

  • Biscottini:
  • Raccogliete tutti gli ingredienti in una ciotola e lavorateli fino a ottenere un composto omogeneo.
  • Distribuitelo, a mezze cucchiaiate, su una placca coperta di carta da forno, lasciando un po' di distanza tra l'una e l'altra porzione.
  • Infornate a 170 °C per 12' circa.
  • Sfornate i biscottini, poi lasciateli raffreddare.
  • Bavarese:
  • Lavorate i tuorli con lo zucchero semolato; unitevi un cucchiaino di maizena.
  • Stemperateli con il latte e g 100 di panna già scaldati con i semi di vaniglia, raschiati dal baccello aperto a metà per il lungo, e un po' di cannella.
  • Cuocete il composto a fiamma dolce senza mai superare 80 °C e toglietelo quando comincia ad addensarsi.
  • Una volta che la crema si sarà raffreddata, incorporatevi la colla di pesce ammollata in acqua, strizzata e sciolta sul fuoco, g 400 di panna, montata, e mescolate bene.
  • Preparate uno sciroppo, fondendo in una padellina 3 cucchiai di zucchero grezzo con un cucchiaio di acqua.
  • Distribuitelo sul fondo di uno stampo a forma di fiore (ø cm 22), ponete un biscottino al centro di ogni "petalo" e coprite con metà della crema.
  • Fate uno strato di biscottini, coprite con la crema rimanente e finite con altri biscottini. Trasferite in frigorifero a rassodare per 4 ore almeno (meglio per una notte intera).
  • Trascorso questo tempo, passate velocemente lo stampo nell'acqua calda e sformate la bavarese. Decoratela con mezze fragole e foglioline di menta.

 

Quanto nutre una porzione: 289 calorie.

 

Vino consigliato: Vino dolce passito, caldo di alcol, fresco di acidità, molto profumato: Malvasia delle Lipari, Greco di bianco, Moscato di Noto

moscato di noto

La tradizione vitivinicola dell’ area sud-orientale della Sicilia è ben viva nella memoria della gente del luogo, qui la coltivazione della vite è stata per lungo tempo l’attività agricola prevalente. Il territorio di Pachino ha svolto per parecchi anni il ruolo di centro di produzione di mosti e vini prevalentemente impiegati per il taglio di vini più blasonati, acquistati dal nord Italia e dalla Francia in grandi quantitativi. La Marabino si pone come obbiettivo di riqualificare una zona che oggi è centro di grande interesse e di valorizzazione sotto il profilo commerciale, grazie a caratteristiche pedoclimatiche tali da permettere di ottenere vini di grande pregio. La nostra attenzione è rivolta alla cura del territorio, per questo abbiamo scelto di usare esclusivamente prodotti naturali che seguono i principi dell’agricoltura biodinamica, per aiutare la vigna a trovare e mantenere l’equilibrio in sintonia con la natura e per far esprimere finalmente al vino la profondità del carattere della propria terra.
Il Moscato di Noto si produce nella Sicilia orientale, nei comuni di Noto, Rosolini, Pachino e Avola, in provincia di Siracusa. E’ ottenuto con le uve di Moscato bianco, localmente denominato Moscato giallo o Moscatella, e, in base al disciplinare, può essere naturale, spumante e liquoroso. Il riconoscimento della Doc risale al 1974 (GU n. 199/74) e il Moscato di Noto, insieme e quello di Siracusa e all’Eloro rosso, rientra nel Consorzio tutela vini del Siracusano. Dopo il picco produttivo del 1993, quando ha superato i 1.100 ettolitri, il Moscato di Noto ha registrato un drastico calo dei volumi. Nel 1999 in particolare si è tenuto sotto i 200 ettolitri.

Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

1 commento:

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook