}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

gennaio 10, 2013

Ricette segrete per fare i liquori in casa: le bottiglie e l’imbottigliamento.

imbottigliamento liquori
La prima osservazione da fare sulle bottiglie è che se intendiamo conser­vare a lungo il nostro liquore, sarà be­ne imbottigliarlo in bottiglie scure (ti­po bordolesi o "champagnotte") e poi travasarlo in bottiglie chiare ed esteti­camente belle al momento di berlo.

Se invece il liquore prodotto non do­vrà essere conservato a lungo, allora lo si potrà mettere subito nella botti­glia di vetro chiaro che ne mostrerà il colore: qualsiasi bottiglia dotata di chiusura ermetica andrà bene.
Per una buona presentazione dei li­quori, le bottiglie più indicate sono i cristalli panciuti a collo lungo o quel­li quadrati o a base rettangolare. In commercio ne esistono sia di cristal­lo prezioso sia di comune vetro: si tratterà di scegliere quella più adatta.

È importante ricordare che, se si op­ta per questo genere di bottiglie, i li­quori vanno assolutamente consu­mati entro l'anno, prima che l'aroma e il colore si modifichino.

La bottiglia dovrà essere preferibilmente chiusa con un tappo di sughero, sostituen­dolo eventualmente con quello abbi­nato alla bottiglia "bella" solo al mo­mento della degustazione.

La bottiglia così confezionata sarà conservata dentro un sacchetto scuro. La conservazione dei liquori deve sempre avvenire in luogo fresco, buio e aerato. Per la quasi totalità dei liquo­ri trattati in questo volume la soluzio­ne ideale è consumarli entro il secon­do o terzo anno dalla preparazione.

Soltanto pochi, come per esempio il nocino, possono essere conservati più a lungo, e anzi raggiungono la maturazione ideale dopo diversi an­ni dall'imbottigliamento. Si tratta in generale di eccezioni alla regola che. come detto, vuole che la maggior parte dei liquori casalinghi raggiunga la maturazione ideale entro pochi mesi dalla produzione.

Ogni bottiglia deve essere dotata della sua etichetta. Potrete sceglierne una adesiva, di quelle comunemente In commercio, oppure fabbricarla in casa con un cartoncino colorato da legare poi al collo della bottiglia.
Sulle etichette devono assolutamente comparire il nome del liquore, il mese e l'anno di produzione e 11 periodo migliore per la degustazione.

Dopo aver scelto la bottiglia migliore per conservare e presentare i iquori, è assolutamente necessario servirli nel bicchiere più adatto. La forma, il peso e la dimensione dei bicchiere possono infatti accrescere o diminuire il piacere della degustazione. Per questo consigliamo:

- per gli aperitivi e gli amari: bicchieri medi, lisci e non troppo sottili;
- per i rosoli e i ratafià: piccoli bicchieri leggermente svasati e il più possibile sottili e trasparenti (per assaporare al massimo il profumo);
- per il limoncino, la vodka e i liquori da servire freddi: bicchierini a collo lungo di vetro spesso e opaco, messi nel ghiaccio prima dell'uso;
- per le grappe aromatizzate: piccoli bicchieri a calice leggermente svasati;
- per i liquori d'erbe, molto profumati: bicchieri a calice di dimensioni medie, tali da poter eventualmente contenere anche il ghiaccio;
- per i cocktail e i long drink: grandi bicchieri cilindrici di vetro sottile, tali da contenere liquori, ghiaccio, frutta e le eventuali decorazioni.
liquori bottiglie
 
Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Nessun commento:

Posta un commento

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook