}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

gennaio 15, 2016

Tartufo al cioccolato con biscotti e nocciole tostate.

4 cornetti
50 gr. biscotti secchi
150 gr. cioccolato fondente
1 cucchiaio di cacao amaro
2 cucchiai di zucchero semolato
50 gr. nocciole tostate
1 cucchiaio di olio extravergine
1/2 bicchiere di liquore per dolci
I tartufi sono relativamente rari, in quanto la loro crescita dipende da fattori stagionali, oltre che ambientali. In certe annate di particolare scarsità arrivano a costare cifre molto elevate (per il Tuber magnatum Pico, il bianco più pregiato, talvolta si è arrivati a 4.500 euro al chilo).
Tartufo al cioccolato
Preparazione:
  • Sciogliere il cioccolato a bagnomaria con un cucchiaio di olio.
  • Tostare i cornetti a fette in forno per 5 minuti a 130 C-140 C, frullarli nel mixer con i biscotti secchi, le nocciole e parte del liquore.
  • Versare il tutto in una boule di vetro e aggiungere lo zucchero, il cacao amaro, il cioccolato fuso e il restante liquore unito ad acqua e zucchero.
  • Formare delle palline e ricoprirle di granella di cioccolato.
  • Servire.
Se ti è piaciuta la ricetta , iscriviti al feed cliccando sull'immagine per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

1 commento:

  1. Il Tartufo è un fungo ipogeo (che vive sotto terra) a forma di tubero, che vive in simbiosi con le radici di alcune piante, quali, per esempio, la quercia, il tiglio, il nocciolo, il carpino e il pioppo.

    Ha una massa carnosa detta “gleba”, rivestita da una sorta di corteccia chiamata “peridio”. E’ costituito in alta percentuale da acqua, fibre e sali minerali, sostanze organiche fornite dall’albero con cui vive in simbiosi.

    La forma dipende dalle caratteristiche del terreno in cui si sviluppa: un terreno morbido favorirà la crescita di un tartufo a forma sferica, mentre un terreno duro, pietroso e con molte radici, ne favorirà una forma bitorzoluta.

    RispondiElimina

Random Posts

Il Mondo dei Dolci in Google+

Feedelissimo m

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook