}
tumbler, ananas, crema, cioccolato, dolci, dessert Crêpe, fragole, mascarpone pancakes, castgane, melagrane, ricette, dolci vini, dessert, dolci, ricette, spumanti moscato, Pantelleria, vini, moscato, dolci, dessert, ricette quenelle, cocco, ricotta, dolci, dessert, ricette, cucina millefoglie, cioccolato, crema, ricette, dolci torte, dessert, dolci, Natale bianco mangiare, dilci, dessert, ricette, cucina

dicembre 18, 2011

I canestrelli sono dolci popolari, le cui origini sono antichissime.


I canestrelli sono biscotti tipici di numerose zone dell'Italia, ma sono particolarmente diffusi in Piemonte e in Liguria.

Lo stesso nome fa riferimento a tipologie di dolci molto differenti.

  •     Biscotti a cialda, sottili e molto friabili. Sebbene si ritrovino in luoghi diversi in Italia, sono più comuni nelle valli alpine, come la Val di Susa, la Valle d'Aosta, la Val Cenischia. Appartengono alla grande famiglia delle cialde e sono di produzione quasi solo artigianale. Vengono cotti su piastra a pinza arroventata sul fuoco vivo o, più recentemente, sulla placca del forno. Si presentano spesso con un disegno di grata o con uno stemma nobiliare in superficie e sono profumati all'anice, alla vaniglia, al limone o al cacao.
  •     Canestrelli biellesi. I canestrelli sono costituiti di due cialde con una farcitura di cioccolato e nocciole. La cialda è croccante ed è ottenuta da farine di grano e di mais, lavorata con zucchero, burro, uova, sale e polveri lievitanti. Sono rettangolari e di grandi dimensioni (circa 9x4,5 cm). L'origine della ricetta risale probabilmente al XVII secolo. Sono prodotti artigianalmente e considerati biscotti di lusso. Sono distribuiti localmente.
  •     Canestrelli liguri riconosciuti a livello nazionale come "Prodotto Agroalimentare Tradizionale italiano". I Canestrelletti di Torriglia PAT, di ingredienti semplici a base di farina, uova, burro, zucchero sono dei biscotti frollini a forma di piccola margherita con un diametro di circa 3-4 cm. . Si presentano con un foro nel mezzo e spolverati di zucchero a velo. L'associazione culturale "Il Canestrelletto di Torriglia" controlla che tutti e sette i Produttori rispettino il Disciplinare Comune. Nella zona di Levanto sono a base di normale pasta frolla al limone: i Canestrelli di Santo Stefano d'Aveto PAT e i Canestrelli dell'Acquasanta PAT.
  •     Canestrelli novesi. Prodotti esclusivamente in modo artigianale nella zona del Novese e dell'Ovadese, differiscono da quelli liguri sostanzialmente per gli ingredienti utilizzati, in quanto impastati senza uova, burro ed acqua, bensì olio d'oliva e vino bianco Cortese di Gavi DOCG.
  •     Canestrelli di Taggia. Sono ciambelle larghe simili ai taralli (o tarallucci) pugliesi. Sono a base di farina e olio d'oliva e sono salati. Recentemente sono state introdotte le varietà alle olive (con l'aggiunta di polpa d'oliva in pezzi) e al cioccolato (con l'aggiunta di gocce di cioccolato).
  •     Canestrelli tonenghesi chiamati anche canastrelli, sotto questo nome o canastrell, divengono ogni anno protagonisti di sagre e manifestazioni in tutto il Canavese, sono caratterizzati dalla presenza nell'impasto di scorza di limone ed erano i tipici dolci nuziali della zona.
L'etimologia del nome è incerta. Alcuni fanno derivare il nome dal termine canestro, cioè un cesto di paglia o vimini dove si ponevano a freddare dopo la cottura e dove si tenevano per offrirli. Altri ritengono che sia da mettere in relazione con il disegno dello stampo a pinza in cui venivano cotti: in lingua piemontese canesterlè, significa ingraticolare con canne.

I canestrelli sono dolci popolari, le cui origini sono antichissime. Nel Canavese e nella Valle di Susa venivano preparati sin dal Medioevo con il nome di nebule, probabilmente dalle gilde dei produttori di ostie. Si offrivano in occasione di matrimoni, battesimi, feste religiose, carnevale.

Canestrelli liguri.
  • Ingredienti:

40 gr. cacao in polvere
30 gr. miele
500 gr. nocciole
3 albumi uova
250 gr. zucchero
150 gr. cioccolato fondente
100 gr. panna


Preparazione:

  • Innanzitutto fate ammorbidire il burro, poi amalgamatelo bene in una ciotola con lo zucchero, fino ad ottenere un composto omogeneo.
  • A questo punto unite il tuorlo d’uovo e continuate ad amalgamare, il bianco dell’uovo tenetelo da parte.
  • Iniziate poi ad aggiungere la farina a poco a poco continuando ad impastare sulla spianatoia. 
  • Quando la pasta vi sembra ben omogenea rivesti tela con la pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigo per un ventina di minuti.
  • Adesso tirate una sfoglia dello spessore di un centimetro e, con appositi stampini (non è obbligatoria la forma a margherita, se non la trovate va benissimo anche un bicchiere) fate i canestrelli.In una teglia riponete la carta forno e sopra i canestrelli, spennellateli con un po’ di bianco d’uovo precedentemente montato.
  • Infilate il tutto nel forno precedentemente acceso a 160° C e fate cuocere per circa 30 minuti.
  • Una volta tirati fuori dal forno lasciateli raffreddare e poi spolverateli con abbondante zucchero a velo.
  • Questi biscottini sono davvero ottimi in accompagnamento ad un buon caffè.

Altre ricette che ti potrebbero interessare:


Nessun commento:

Posta un commento

Random Ricette

Il Mondo dei Dolci in Google+

My Ping in TotalPing.com Feedelissimo

Il Mondo dei Dolci in Pinterest

Il Mondo dei Dolci su Facebook